Il cane: un aiuto importante per l'uomo

Pubblicato Dom, 07/08/2016 - 17:32 da Anna Federica
Cane che aiuta il suo padrone

​​​​​​​ Anche io aiuto il mio padrone quando fa i lavori in giardino... :-)

Fin dall'antichità i cani sono stati d'aiuto all'umo, e hanno ricoperto molti ruoli, in particolare la caccia la guardia e la custodia delle greggi.

Le razze nordiche più conosciute sono gli Husky , usati sa secoli per il traino delle slitte. Ad esse vengono attaccati dai sette ai quindici animali : un equipaggio può trainare così un peso di circa 30-50 kg a cane e compiere dalle 20 alle 40 miglia al giorno. Il San Bernardo , cane tipico delle montagne svizzere , è stato utilizzato come animale da soma nelle regioni alpine fin dall'antichità. Questo cane, per le sue naturali caratteristiche di grande resistenza fisica e grazie allo sviluppato senso dell'olfatto , è stato selezionato dai monaci sulle Alpi Svizzere , circa 300 anni fa, per essere impiegato nel ritrovamento delle persone scomparse: compito che svolge ancora oggi. L'utilizzazione del cane per le ricerche di persone ha avuto recentemente un grande sviluppo, sopratutto nella polizia e nell'esercito. Per questi compiti sono stati utilizzati il Pastore Tedesco, il Labrador e il Dobermann. Il Pastore tedesco è diventato il cane da lavoro oggi più impiegato , in quanto si adatta a molto ruoli, dalla ricerca di persone scomparse , all'attacco , alla sorveglianza e altri compiti speciali.

Un'aiuto anche per i non vedenti : Il ruolo di accompagnatore di una persona non vedente è senza dubbio il più utile tra tutti quelli che i cani sono in grado di svolgere.

È anche un compito molto difficile e, sebbene tutti i cani possano imparare i comandi base, solo alcuni di essi possono essere addestrati come cani-guida.

Sono adatte a questo ruolo soltanto le razze di taglia grande. Tra queste la più utilizzata è il Pastore tedesco, in particolare negli Stati Uniti, e il Labrador Retriever in Inghilterra. Qui vi è una vera e propria pianificazione per ottenere dei cuccioli selezionati accuratamente, in grado di essere addestrati alla perfezione. Solitamente vengono utilizzate le femmine piuttosto che i maschi, perché hanno un atteggiamento meno dominante e sono meno distratte dagli altri cani. Purtroppo però, per evitare i problemi legati ai periodi di fecondità, alle femmine addestrate per questo scopo si rende necessario la sterilizzazione. L'addestramento inizia verso i due mesi di età: il cane viene fatto familiarizzare con un accompagnatore che lo curerà fino a circa un anno di età, insegnando l'addestramento di base. Ciò consiste nell'abituare il cucciolo al traffico cittadino, alle stazioni ferroviarie, agli autobus. Soprattutto gli viene insegnato a camminare al centro del marciapiede e a sinistra dell'accompagnatore. Gli viene anche insegnato a sedersi in maniera particolare, con le zampe anteriori davanti a quelle del padrone. Dopo questo primo periodo il cane viene portato in un centro di addestramento per essere sottoposto a particolari test. Se alcuni cani mostrano troppa sensibilità al rumore o un temperamento instabile vengono eliminati dall'addestramento, a meno che questi difetti non si possano correggere. Se il cane si dimostra adatto a tutte le situazioni, è addestrato in modo completo. Nell'ultima fase dell'addestramento l'animale inizia a familiarizzare con il nuovo padrone, al quale viene insegnato come comunicare con il cane, senza compromettere l'addestramento impartito precedentemente.

Aggiungi un commento